Inusuale avvistamento lungo le coste liguri di alcuni esemplari di Cymbulia peronii, la “scarpetta di cristallo”

Non c’era Cenerentola né era mezzanotte quando i subacquei dell’asd Informare hanno visto galleggiare in pochi metri d’acqua, vicino alla costa di Laigueglia, in Liguria, alcuni esemplari di Cymbulia peronii o “scarpetta di cristallo”. 

C. peronii fa parte dei molluschi gasteropodi, ovvero quelli che hanno una sola conchiglia, generalmente spiralata. In realtà questo mollusco la conchiglia non la possieda proprio; la perde durante la metamorfosi da fase larvale a fase adulta, sviluppando una struttura cartilaginea, chiamata pseudoconca, esempio di adattamento alla vita pelagica. La peusodoconca infatti essendo molto leggera, fornisce una migliore galleggiabilità all'animale e, in secondo luogo, la sua trasparenza risulta un’ottima forma di mimetizzazione in ambiente marino aperto.

Oltre alla perdita della conchiglia, durante la fase larvale C. peronii sviluppa delle appendici muscolari locomotrici, dette parapodi, simili ad ali che giustificano il nome comune inglese di "sea butterflies" e che gli conferiscono la capacità di nuotare verso l’alto e il basso, ma mai contro corrente, inserendolo così di fatto tra il macroplancton. Anche se limitata, la possibilità di muoversi aiuta C. peronii ad alimentarsi, catturando fitoplancton tramite muco.

Se il nome comune di questo animale deriva dalla forma allungata, vagamente a scarpetta del suo corpo, l’etimologia del nome scientifico (peronii) si deve ricercare in una dedica che Lamarck fece al medico militare francese François Péron (1775-1810).

Cymbulia peronii è un organismo abbastanza comune, anche se è più facile trovarlo in ambiente pelagico profondo, lontano dalle coste. Ecco perché la segnalazione dell’animale è rara mentre è comune avvistare la pseudoconca che si spiaggia generalmente alla fine dell’inverno, quando la larva, nata verso fine estate, si trasforma in un individuo adulto.

 

Monica Previati

Coordinatrice Subacquei Volontari Mar Tirreno Nord

 

Reef Check Italia Onlus

Scrivi commento

Commenti: 0