IL GRANDE SQUALO BIANCO

Federico Betti – Reef Check Italia Associate Program Manager

 

In questi giorni è rimbalzata su diversi media la notizia del ritrovamento, nelle acque australiane del Queensland, dei resti di uno squalo bianco Carcharodon carcharias di circa tre metri di lunghezza, morto a causa dei morsi infertigli da un suo simile.

Il cannibalismo in questa specie non è insolito, ma ciò che ha destato scalpore è il fatto che l’ampiezza dei segni lasciati dai morsi fa pensare che l’assalitore sia stato uno squalo di oltre sei metri di lunghezza, subito rinominato “super-squalo”.
In realtà è accertato che gli squali bianchi possano superare i sette metri di lunghezza, come dimostra, fra gli altri, l’esemplare di sette metri e quattordici centimetri pescato nel1987 al largo di Malta; descrizioni di esemplari di dimensioni molto maggiori (otto, dieci, perfino dodici metri), invece, non sono da ritenere attendibili. 

 

L’animale in questione, quindi, non rappresenta assolutamente un’anomalia; c’è da dire, però, che superati i quattro metri di lunghezza questa specie tende ad accrescersi molto lentamente, e ad utilizzare l’energia ricavata dalla nutrizione nell’aumentare la stazza più che la lunghezza.

Crescendo, quindi, questi animali si irrobustiscono, diventando più massicci; ciò significa che squali bianchi di taglia superiore ai quattro metri sono decisamente rari, perché sono pochi gli esemplari che sopravvivono così a lungo da raggiungere dimensioni decisamente maggiori.
Ecco perché l’accertamento della presenza di uno squalo bianco di sei metri e più dovrebbe costituire una bella notizia per gli amanti della natura e del mare: nonostante i mille fattori di mortalità (tutti di origine umana) che stanno portando alla scomparsa di questa specie, esistono ancora esemplari in grado di resistere per decine di anni alle ingiurie dell’uomo.

Write a comment

Comments: 0